E’ stata una serata a tutta musica e divertimento quella che si è svolta sabato 21 ottobre al Teatro dell’Oratorio di Borgo Santa Caterina a Bergamo a partire dalle ore 21:00.
L’evento è stato organizzato per festeggiare con i ragazzi dell’Associazione AIPD di Bergamo la Giornata Nazionale della Persona con Sindrome di Down che si è tenuta l’8 di ottobre.
L’idea è nata dopo il successo ottenuto dall’evento nella serata organizzata a Montello (BG) nel mese di marzo 2017 e durante la quale i ragazzi erano stati i veri protagonisti della serata.
“Artisti Uniti per la Solidarietà” è un progetto nato da un’idea di Devis Manoni, con il supporto di Luca Battistini e Rossella Segatto che, circa un mese fa, ha ottenuto un importante riconoscimento per quanto fatto in questi anni. Infatti ha ricevuto il “Riconoscimento Giovanni Paolo II Città di Bisceglie” che ogni anno viene conferito a uomini, donne ed associazioni che si sono distinte per meriti religiosi, culturali, civili e umanitari.
Lo spettacolo del 21 ottobre di “Artisti Uniti per la Solidarietà” ha visto la partecipazione dei Ragazzi dell’Associazione Italiana Persone Down di Bergamo, al fianco di Devis Manoni con la sua band Xverso.

Insieme hanno presentato il tributo a Tiziano Ferro, Maurizio Ruggiero (Vittime Modà, tributo ai Modà), Max Minardi (Nient’altro che noi, tributo a Max Pezzali e agli 883), Arianna Ferrari (Real Emma Tribute, tributo a Emma Marrone) e Alessandro Ferrari (Nek Experience, tributo a Nek).


I ragazzi e ragazze di AIPD hanno inoltre fatto gli onori di casa accogliendo circa 250 persone e preparando un delizioso rinfresco tutto in autonomia (obiettivo primario dell’associazione) con il supporto di due educatrici che hanno coordinato le attività.
Il ricavato della serata è stato interamente devoluto ad AIPD Bergamo e sarà utilizzato a sostegno dei progetti di autonomia dei ragazzi dell’Associazione Italiana Persone Down onlus di Bergamo.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *